Mafia a Bari, il Viminale nomina i componenti della commissione d’accesso

Il mandato della commissione, nominata dal ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, è quello di valutare la possibilità di sciogliere il Consiglio comunale di Bari

Il Ministero dell’Interno, tramite il Viminale, ha ufficialmente annunciato i membri della commissione incaricata di indagare sul Comune di Bari. La commissione è composta da Claudio Sammartino, ex prefetto in pensione, Antonio Giannelli, viceprefetto, e Pio Giuseppe Stola, maggiore dello Scico della Guardia di Finanza. Questo annuncio è stato fatto in risposta a una richiesta formale presentata dal sindaco, con l’invito a tutte le divisioni del Comune di Bari a cooperare pienamente con la commissione, offrendo il massimo supporto e senza condizioni.

Il mandato della commissione, nominata dal ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, è quello di valutare la possibilità di sciogliere il Consiglio comunale di Bari a causa di presunte infiltrazioni mafiose. Questa decisione è stata comunicata attraverso un documento inviato oggi dal direttore generale del Comune di Bari, Davide Pellegrino, a tutti i dirigenti dell’Ente locale.

Inoltre, dal documento si apprende che la commissione è stata nominata, ma al momento non è ancora stata formalmente insediata, il che significa che i commissari non hanno ancora avviato ufficialmente il loro lavoro di indagine.